icone-nuove-pubblicita-ottobre-no-scritteInterstudio ha rilasciato la versione 3 di Domus.Cad Standard e Professional. Le due configurazioni Std e Pro propongono un approccio BIM veramente per tutti e non solo dal punto di vista economico.

Domus.Cad Std e Pro 3 permette a tutti di trarre vantaggio dall’approccio BIM da subito, anche per lavori semplici, oltre naturalmente a progetti di maggiore importanza, con funzionalità esclusive e la capacità di comunicare con altri programmi BIM tramite il supporto del formato IFC, ora anche con la versione più recente IFC 4.

Vediamo adesso alcune delle novità della nuova versione.

Informazioni contestuali in prossimità

Le informazioni contestuali in prossimità sono normalmente informazioni di tipo geometrico quali misure, aree, perimetri, volumi, altezze ecc, specifiche di elementi selezionati, che vengono visualizzate nelle immediate vicinanze degli elementi stessi, in modo da avere un’idea immediata dell’insieme senza dover togliere lo sguardo dall’oggetto sul quale stiamo lavorando e avere una serie di informazioni immediatamente disponibili senza dover effettuare altre operazioni.

Ecco alcuni esempi:

image01
Muro selezionato

image12

Poligono selezionato

image10Cerchio selezionato

image09Tetto

Esportazione Open BIM IFC

Oltre all’esportazione IFC 2×3 presente nella versione precedente è stata aggiunta l’esportazione nel nuovo formato IFC4.

Il formato IFC 4 è l’ultima versione del formato IFC per il miglior supporto dei programmi BIM. E’ usato dai programmi più aggiornati, quali la Suite Cypetherm e sarà il formato di riferimento per la pubblica amministrazione.

 

Copia su pianta di vista vettoriale e raster

La copia su pianta della vista vettoriale nella finestra Render Vettoriale e del rendering nella Vista Tridimensionale sono sincronizzati e sono creati esattamente sovrapposti.

Sia l’uno che l’altro sono posizionati sul piano con il punto centrale, corrispondente al punto osservato, coincidente con l’origine delle coordinate.

Questo permette di creare delle rappresentazioni ibride raster-vettoriali molto efficaci.

Redering vettoriali con spigoli disegnati

Redering vettoriali con spigoli disegnati

Rendering fotorealistico tipo raster

Rendering fotorealistico tipo raster

 

Risultato ibrido

Risultato ibrido

Aggancio dei muri

L’aggancio e la fusione dei muri è da sempre una delle caratteristiche principali del programma, che lo distinguono da tutti gli altri. La velocità e semplicità nel collegare, staccare, dividere prolungare, modificare i muri, senza preoccuparsi della geometria e concentrandosi sul progetto e la composizione ha permesso da sempre di considerare Domus.Cad un programma per progettare, provare, modificare invece che un semplice programma di disegno.

Adesso queste funzionalità sono state potenziate. Sono state introdotte alcune modifiche nella funzione automatica dei muri per rendere più semplice, veloce e senza errori la realizzazione delle piante e del modello degli edifici.

I muri sono sempre agganciati indipendentemente dalla distanza di aggancio, nel tracciare un muro agganciandosi in partenza o all’arrivo ad un estremo o al bordo di un altro muro.

 

Importazione – esportazione DWG-DXF-DWF

Esportazione

Nel caso siano presenti delle immagini all’interno del piano o della tavola esportata, queste vengono esportate per riferimento,

In pratica le immagini sono esportate separatamente nella stessa cartella dove è esportato il documento DWG, DXF o DWF. All’interno del documento sono inseriti i riferimenti dei file separati.

Affinché il tutto venga letto correttamente in altri programmi è necessario che venga trasmesso tutto, documento e immagini, nella stessa cartella.

Indipendentemente dal formato originale delle immagini all’interno di Domus.Cad, esse sono esportate sempre in formato .BMP.

Su sistema operativo Mac Os, nel caso in cui l’immagine sia stata importata come PDF è esportata sempre mantenendo il formato originario.

 

Importazione

Anche nella funzione di importazione se il documento DWG, DXF o DWF contiene riferimenti ad immagini e queste immagini sono presenti e accessibili esse vengono importate all’interno del programma.

 

Computazione di muri e finestre

Nella computazione di muri con finestre è stato introdotto il calcolo del vuoto per pieno in base al valore della superficie minima indicata nella finestra di dialogo delle Opzioni del computo.

 

computowindlg

Se la finestra ha una dimensione minore del limite indicato, è considerata “piena” e il volume o la superficie sono aggiunti a quelli del muro.

Se è superiore allora è considerata la situazione effettiva e volume e superficie sono tolti dal computo del muro.

 

Altre novità

Altre novità riguardano i testi multilinea, il trattamento delle immagini, ottimizzazione di molte delle funzioni del programma ed altro ancora.

 

Maggiori informazioni:

 

 

Requisiti di sistema

Windows XP, 7, 8, 10

MacOs 10.6, 10.7, 10.8, 10.9, 10.10, 10.11, 10.12