2017e_cypelux_01
La suite Cypetherm per l’analisi energetica e gli impianti si arricchisce in tempi rapidissimi di nuovi moduli e nuove funzionalità, costruendo un sistema BIM di impiantistica senza paragoni.

La nuova versione 2017.e è scaricabile dall’Area Download, contiene 4 nuovi moduli e importanti novità per per tutti gli altri componenti. Ne diamo una breve descrizione.

CYPESOUND DRAPDE

Progettazione e verifica dell’isolamento acustico dal rumore aereo e di impatto, dell’immersione sonora e del livello di riverberazione, secondo le prescrizioni del D.P.C.M. 5/12/1997 (Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici) e delle norme di calcolo EN 12354 (ISO 15712).

CYPESOUND DRAPDE è un’applicazione integrata nel flusso di lavoro openBIM mediante lo standard IFC.

cypesound_drapde_02

CYPETHERM Contabilizzazione

Calcolo e ripartizione delle spese per climatizzazione invernale e acqua calda sanitaria, conforme alla norma UNI 10200:2015

Caratteristiche:

  • Calcolo dei millesimi di fabbisogno e di potenza
  • Calcolo delle componenti di spesa totale per climatizzazione invernale e ACS
  • Calcolo delle spese delle unità immobiliari
  • Prospetto a consuntivo o previsionale di ripartizione delle spese
  • Certificato della potenza termica istallata della singola unità immobiliare
  • Prospetto previsionale riassuntivo
  • Prospetto riassuntivo delle prestazione energetiche dell’edificio

cypetherm_contabilizzazione_03-1

 

CYPETHERM Etichetta Energetica

Etichettatura energetica per insiemi di apparecchi per il riscaldamento d’ambiente e per il riscaldamento dell’acqua, conforme ai Regolamenti Delegati (UE) n. 811/2013 e 812/2013 della Commissione Europea.

Caratteristiche:

  • Definizione da base dati del programma o personalizzata delle caratteristiche di:
    • Generatore
    • Accumulo
    • Dispositivo di controllo
    • Dispositivo solare
    • Apparecchio supplementare
  • Etichetta energetica
  • Scheda prodotto
  • Fascicolo tecnico

cypetherm_etichetta_energetica_03

 

CYPELUX Nuovo motore di calcolo (Radiance)

A partire dalla versione 2017.e in CYPELUX è possibile utilizzare il motore di calcolo Radiance (sviluppato dal Lawrence Berkeley National Laboratory) per la realizzazione dei calcoli illuminotecnici prodotti dagli impianti di illuminazione normale e di emergenza.

Questa innovativa metodologia di calcolo permette di ottenere risultati di maggior precisione nei livelli di illuminazione indiretta, realizzare la discretizzazione delle fonti luminiche e visualizzare i render di illuminazione degli ambienti.

Render

Grazie all’incorporazione del motore di calcolo Radiance in CYPELUX è possibile rappresentare l’effetto luminoso prodotto dall’impianto di illuminazione normale e di emergenza in un locale.

2017e_cypelux_022017e_cypelux_04

A tal fine, nella barra degli strumenti del programma è stata aggiunto il gruppo Visualizzazione con tre nuove opzioni:

  • Nuova vista
    Permette di definire diversi punti di vista nella planimetria e configurare le loro caratteristiche.
  • Render
    Mediante questa opzione è possibile indicare che vista si vuole renderizzare

2017e_cypelux_03

  • Configurazione di renderizzazione
    Permette di selezionare l’illuminazione normale (interna ed esterna) o quella di emergenza, oltre al livello di precisione di visualizzazione.

 

CYPETHERM HVAC

2017e_cypetherm_hvac_01

Modello BIM

Importazione di pilastri, porte e finestre

In CYPETHERM HVAC è possibile importare pilastri, porte e finestre definiti nel modello BIM. Questa funzionalità è tenuta in considerazione nell’inserimento degli elementi dell’impianto, oltre che agevolare la comprensione del modello architettonico sul quale si sta lavorando.

Pavimento radiante

2017e_cypetherm_hvac_02

Individuazione di porte e pilastri del modello BIM durante la generazione automatica del pavimento radiante

Con l’opzione Generazione automatica di pavimento radiante il programma individua, già da versioni precedenti, il programma individua gli spazi nei quali è stata definita la temperatura di progetto per climatizzazione e genera il circuito di pavimento radiante.

A partire dalla versione 2017.e questa generazione interpreta nel modello BIM i pilastri come elementi di ostacolo e le porte come punto di ingresso del tracciato di pavimento radiante.

Per ottenere il calcolo della superficie e della potenza generata da ogni circuito è necessario effettuare il calcolo o il dimensionamento.

Flussimetri nei collettori

È stata implementata la possibilità di utilizzare misuratori di portata nel bilanciamento idraulico dei collettori del pavimento radiante, nel caso siano presenti solamente le valvole di bilanciamento.

Tubazioni di connessione circuito-collettore

È stata implementata la possibilità di utilizzare misuratori di portata nel bilanciamento idraulico dei collettori del pavimento radiante, nel caso siano presenti solamente le valvole di bilanciamento.

 

Corpi scaldanti

Individuazione delle finestre del modello BIM durante la generazione automatica dei corpi scaldanti

A partire dalla versione 2017.e è stata implementata la possibilità di generare automaticamente i corpi scaldanti. Selezionando questa opzione, il programma dispone al di sotto delle finestre un corpo scaldante con caratteristiche di default, grazie all’interpretazione del modello BIM.

Cliccando l’opzione dimensionare, il programma seleziona il numero di elementi necessari in ogni radiatore, per soddisfare i carichi termici di riscaldamento.

Descrizione dei parametri termici dei corpi scaldanti

Viene agevolata la definizione delle caratteristiche dei corpi scaldanti sostituendo la temperatura media, richiesta fino alla 2017.e, con le temperature di mandata e ritorno.

Temperatura interna di progetto dei corpi scaldanti

Ai corpi scaldanti viene associata la temperatura interna di progetto del locale nel quale vengono posizionati. L’utente può bloccare la suddetta temperatura nella finestra di dialogo di definizione delle caratteristiche dei corpi scaldanti.

 

Canali

Configurazione della generazione di unioni dei canali

La selezione del tasto Generare unioni permette l’accesso ad una nuova finestra di dialogo che permette di configurare questo processo di generazione delle unioni dei canali:

  • Cancellare unioni esistenti
    Permette di eliminare tutte le unioni disposte dall’utente prima della generazione automatica. Le nuove unioni vengono generate d’accordo con le dimensioni dei tratti da connettere.
  • Generare in tutte le planimetrie

Intersezioni tra condotti e pilastri

Nel caso siano presenti incidenze tra i pilastri del modello BIM e i canali dell’impianto, il programma avvisa l’utente tramite dei messaggi di errore.

 

Maggiori informazioni: